ROMA, 11 GENNAIO – Il governo Conte? “Mi auguro che non vada avanti, naturalmente, non per il bene della Lega ma per quello dell’Italia. E’ un continuo trascinarsi, litigare e rinviare senza decidere”. Lo afferma Matteo Salvini, in un’intervista a ‘Libero’, affermando che “in questo anno e mezzo non hanno combinato nulla”.

Per il leader della Lega in caso di crisi del Conte II “le vie sono due: o elezioni – ho fatto i conti, da gennaio in poi ci sono almeno 14 paesi occidentali in cui si andrà alle urne, dal Portogallo alla Repubblica Ceca – oppure per me rimane un’ipotesi praticabile un governo di centrodestra che nasca in Parlamento e metta al centro la salute, la crescita e le infrastrutture, le imprese, il lavoro e la riforma della Giustizia”.

Quanto ai retroscena che ipotizzano un aiuto di Iv per far nascere un eventuale governo di centrodestra, Salvini assicura: “nessun messaggio con Renzi. Ma voglio vedere se va fino in fondo con Conte. Se cosi’ fosse, ripeto, la via maestra è andare a elezioni anticipate. Altrimenti, sui temi di cui ho detto, penso che l’Italia ci seguirebbe in massa e il Parlamento anche”.

Salvini spiega poi di non avere nessuna nostalgia del governo gialloverde “perché i grillini erano diventati il partito del No e con i No non si poteva più governare”. (AGI)