MILANO, 15 SETTEMBRE – “Il tentativo di stupro perpetrato ieri sera da, pare, uno straniero ai danni di una ragazza nel quartiere Niguarda è un fatto gravissimo. Non c’è alcuna giustificazione per simili gesti. Porgiamo tutta la solidarietà alla ragazza e auspichiamo una pena severissima nei confronti dell’aggressore. Certe bestie non hanno diritto di cittadinanza né a Milano, né altrove.” Lo dichiarano in una nota Stefano Bolognini, commissario provinciale di Milano della Lega Salvini Premier e Deborah Giovanati, candidata della Lega in consiglio comunale.

“Aldilà della responsabilità personale – proseguono i due esponenti della Lega -, c’è però da registrare un fatto, anch’esso molto grave: le periferie sono state completamente abbandonate da questa amministrazione negli ultimi anni, a partire dal presidio del territorio da parte della polizia locale. Non solo, il fattaccio è avvenuto proprio a Niguarda, citato come quartiere modello da parte del sindaco Sala. Non ci pare un gran modello quella zona in cui donne e ragazze non possono andare in giro da sole alla sera”.

“Le chiacchiere del Sindaco Sala stanno a zero – concludono Bolognini e Giovanati -, la soluzione c’è: ci vuole un maggior presidio dei quartieri e delle periferie da parte della polizia locale per evitare che possano ripetersi questi fatti vergognosi”. (Nova)